PRO LOCO COMUNALE di PAESE

Close Icon
   
Contact Info     Call 24 Hours: 1.888.222.5847

Patchwork   arrow

Storia e attività 

Nel 1999 per dare nuove motivazioni di aggregazione la Pro Loco di Paese pensa di aggiungere alle già collaudate attività che in essa vengono svolte, un corso di Patchwork: comincia così l’avventura del nostro gruppo. Inizialmente formato da una decina di signore, ha continuato la sua attività incontrandosi ogni lunedì presso la sede della Pro Loco.

Con il tempo qualche allieva se n’è andata altre si sono aggiunte, ma in tutte sempre vivo l’entusiasmo e la voglia di trascorrere insieme qualche ora lavorando e chiacchierando, scambiandoci esperienze, condividendo dolori e gioie che inevitabilmente fanno parte della vita di ognuna di noi.

Dopo qualche tempo abbiamo sentito l’esigenza di identificarci e così ci siamo date un nome: “Paese è … patchwork”.

Storia del Patchwork (tradotto indica “lavoro con le pezze”) un manufatto che consiste nell’unire a mano o a macchina tanti ritagli di tessuto di forma, colore e consistenza diversa, fino ad ottenere un disegno geometrico o meno, per realizzare un arazzo, un pannello, un copriletto o quant’altro nasce dalla creatività di ciascuno. Il risultato di questo lavoro prende il nome di quilt.

Si pensa che questa tecnica sia nata lungo il Nilo, altri pensano lungo il Gange. Si è diffusa poi nel vicino Oriente, in Persia, in Egitto e nella Roma antica. La ritroviamo poi tra i primi coloni americani in quanto originariamente nata come condizione di necessità per utilizzare ritagli di stoffa provenienti da abiti smessi, tovaglie o altro purché utili a creare quilts destinati all’uso coperte. I primi lavori erano molto rudimentali, ma con il passare del tempo le donne affinarono le impunture con toppe meno casuali per forma e colore, impreziosirono i loro lavori con stoffe ricercate e nuove, così che i manufatti divennero oltre che caldi anche belli. Incredibile che donne la cui vita era così carica di lavori gravosi e piena di pericoli, abbiano saputo creare un’arte così varia, facendone un’espressione artistica che nello stesso tempo, un riconoscimento alla loro capacità di prendersi cura ed amare la loro famiglia e la comunità.

Nel corso degli anni i quilts assunsero sempre più una funzione decorativa e, per realizzarli, non vennero più usate pezze di recupero, ma tessuti nuovi.

In Europa, ed in particolare in Italia, il Patchwork è un’arte relativamente giovane che ha però entusiasmato molte donne, dando loro la possibilità di esprimere la propria creatività attraverso l’uso del tessuto.

CI RITROVIAMO IL LUNEDÌ POMERIGGIO NELLA SEDE DELLA PRO LOCO